Le elezioni sono terminate e ci si pone il seguente quesito: chi ha vinto veramente?
La coalizione di centro-destra, col suo 37% (Guidato dalla Lega), oppure il Movimento 5 Stelle,
che come "partito" singolo ha guadagnato il 32% dei voti?
Entrambi sono comunque seguiti dalla indiscussa medaglia di bronzo: un terzo posto composto
dal centro-sinistra (guidato, e quasi interamente formato, dal PD) che ferma la sua caduta libera
al 23%, rivelando quanto il parere degli italiani sia cambiato nel giro di pochi anni.
Il vero problema, comunque, resta però un altro: il Parlamento (eletto con la più bassa affluenza
nella storia della Repubblica) si trova diviso tra queste tre "fazioni d'opposizione", che dovranno
dirigere il Paese lavorando assieme.
Il Movimento 5 Stelle mette paletti: non vuole assolutamente coalizioni.
Il centro-destra e centro-sinistra, però, lo sanno, che sarà necessario ricorrere ad alleanze
temporanee con la attuale maggioranza relativa per costruire un governo.
Tornando alla domanda iniziale, nessuno ha davvero vinto e per questo per la prima volta l'Italia
si ritrova senza una guida definita (o un premier, considerando che salvo nuove elezioni o
improponibili alleanze, e' impossibile ottenerne un* primo ministro) e su questo sarebbe
opportuno riflettere

You have no rights to post comments